Residenza in Canada

Vuoi entrare in Canada con un biglietto di sola andata? Potresti essere arrivato con un visto turistico della durata massima di sei mesi. Ma avere poi deciso di restare in Canada per lavoro o studio. Oppure vorresti entrarci direttamente per lavorare. Insomma, hai deciso di volere la residenza permanente in Canada. Lo status che ti consente di emigrare in Canada, senza essere cittadino canadese.

Il Certificato di Residenza Permanente (PR card) ti consente di vivere, lavorare o studiare ovunque in Canada. Permette di ottenere la maggior parte delle prestazioni sociali che ricevono i cittadini canadesi, tra cui la copertura sanitaria. Inoltre, la PR card è un documento indispensabile per ottenere la cittadinanza. In cambio, bisogna pagare le tasse e rispettare tutte le leggi canadesi a livello federale, provinciale e comunale.
Vale quindi assolutamente la pena di compilare documenti, pagare tasse e aspettare il tempo necessario per ottenerlo.

Se si viaggia fuori del Canada, la PR card è la prova che sei un residente permanente del Canada, ed è necessaria per rientrare nel paese via aereo, nave, treno o autobus.

Ogni anno moltissime persone da tutto il modo chiedono di restare in Canada come residenti permanenti, e la procedura è piuttosto lunga.

 

Chi può ottenere la PR card (certificato di residenza permanente)?

  • Nomine Provinciali: se vuoi trasferirti in una provincia specifica, potresti inoltrare la richiesta all’ufficio provinciale d’immigrazione, per farti inserire nelle sue liste d’immigrazione. Il Canada ha firmato accordi bilaterali con tutte le sue province in modo da selezionare gli immigrati secondo le loro specifiche esigenze.
  • Ricongiungimento familiare: se hai  in Canada parenti  residenti permanenti, puoi chiedere il loro aiuto per ottenere la residenza. Allo stesso modo, una volta residente in Canada, potrai sponsorizzare il tuo coniuge o partner ed i figli a carico.
  • Selezione del Québec: il Québec seleziona degli immigrati che rispondono a determinati requisiti, che vengono valutati individualmente. Sono accettati lavoratori permanenti, affaristi, studenti, lavoratori temporanei, famiglie e rifugiati speciali. In questo caso la conoscenza della lingua francese è importante.
  • Studenti: Le scuole e università canadesi sono aperte al mondo. Con un permesso di studio gli studenti stranieri sono autorizzati a lavorare nei campus senza permesso di lavoro. Se i voti sono buoni e il permesso di studio è valido per almeno sei mesi, possono ottenere un permesso di lavoro che permette loro di lavorare 20 ore alla settimana. Una volta laureato, lo studente straniero può richiedere e ottenere un permesso di lavoro da uno a tre anni a seconda della durata dei suoi studi in Canada.
  • Lavoratore qualificato: ogni caso è valutato individualmente. Generalmente, l’occupazione in Canada è riservata ai cittadini canadesi e residenti permanenti. Quando una società canadese non riesce a trovare un dipendente qualificato in Canada, può portare uno straniero con un permesso di lavoro temporaneo. Ci sono però eccezioni a questa regola per alcune categorie di lavoratori. In linea di massima dovresti trovare un datore di lavoro che garantisca per te, sponsorizzandoti e facendosi carico della trafila burocratica per poter regolarizzare la tua posizione lavorativa. Non è un procedimento molto semplice, per questo bisognerebbe trovare lavoro e aiuto già prima di arrivare in Canada. Al momento dell’inoltro della richiesta di Visto, lo Human Resources and Skills Development Canada determinerà la legittimità dell’offerta di lavoro. Ovvero, se la tua assunzione è in qualche modo conveniente per il mercato lavorativo canadese. Ad esempio perché sei particolarmente qualificato o svolgeresti un lavoro per il quale i canadesi residenti non si rendono disponibili.
  • Imprenditori e liberi professionisti: i primi devono raggiungere determinati requisiti economici (giro d’affari). Mentre i secondi devono dimostrare di potersi mantenere e di avere l’esperienza necessaria per apportare un contributo culturale al Paese.

Express Entry/Entrée

Sei un lavoratore specializzato o un professionista interessato a emigrare in Canada? Dal 1°gennaio 2015, Express Entry/Entrée express è il nuovo sistema elettronico per la gestione delle domande con l’obiettivo di dare priorità – attraverso una banca dati – a quei candidati che, grazie alle proprie qualifiche professionali, esperienze lavorative e conoscenze linguistiche, hanno buone probabilità di avere successo in Canada. Per alcune categorie infatti è semplicissimo: tra questi annoveriamo professionisti che operano all’interno dell’accordo Nord Americano di libero commercio, persone trasferite da un’altra sede della stessa azienda, persone il cui impiego in Canada è previsto analogamente per i canadesi in Italia come gli scambi giovanili, gli studenti stranieri che studiano, i coniugi e i parenti di lavoratori stranieri qualificati, le persone impegnate in lavori religiosi o di carità. Costoro possono così evitare lunghe attese e ottenere un permesso di residenza permanente in Canada nell’arco di sei mesi al massimo.


Vuoi verificare le opportunità reali che ci sono in Canada? Consulta la job bank.


Come ottenere il visto di residenza permanente in Canada?

Una volta verificato se soddisfi uno o più di questi requisiti, puoi far richiesta di visto di residenza permanente. Devi contattare il consolato o l’ambasciata più vicina. Successivamente, inoltrare la richiesta con certificato medico allegato, certificato di buona condotta e la tassa pagata per la pratica.

Inoltre, in base al tipo di domanda inoltrata, possono essere richiesti:

  • Originali, copie e traduzioni ufficiali di documenti che fanno da supporto alla domanda incluso i gradi di istruzione, diplomi, certificati, documenti d’identità e/o lettere di raccomandazione e informazioni rilevanti
  • Fondi finanziari sufficienti
  • Risultati di test linguistici
  • Altre documentazioni o prove

Qui trovi tutte le informazioni.


Le frodi per ottenere un permesso permanente sono punite severamente, e i criteri di accoglimento sono sempre più restrittivi. Il Ministro Kenney per la Cittadinanza, Immigrazione e Multiculturalismo del Canada, nell’annunciare nel 2012 nuove leggi per  dissuadere i matrimoni di convenienza usati come veicolo verso la residenza permanente in Canada, ha dichiarato “i Canadesi sono generosi e accoglienti ma non tollerano truffatori che mentono per non fare la coda. Queste misure aiuteranno a rafforzare l’integrità del nostro sistema di immigrazione e a prevenire la vittimizzazione di Canadesi innocenti.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *